Storia

/Storia
Storia 2019-02-11T08:30:15+00:00

La storia di Schloss Freudenstein

Medioevo

Il castello di Freudenstein fu costruito nell’Alto Medioevo, all’inizio del XIII secolo, probabilmente dagli Eysenbrand di Freudenstein. Dal XV secolo il castello fu di proprietà della nobile famiglia Fuchs von Fuchsberg. Alla fine del XVI secolo, il complesso, originariamente costituito da due piccoli castelli, è stato trasformato in un ampio palazzo. Sopra l’ingresso si trova la data 1519. Anche la Cappella di Sant’Andrea fu costruita nel 1519 e consacrata nel 1532.

La linea Freudenstein dei Fuchs di Fuchsberg esisteva fino al 1550. La dinastia fu poi elevata a “Freiherr von Freudenstein” e dal 1634 apparteneva allo stato di conte. La famiglia Fuchs von Fuchsberg si estinse nel 1828.

Il curioso nome italiano Castel Lodrone è stato creato da Ettore Tolomei e deriva dalla nobile famiglia trentina dei Lodron, proprietaria della tenuta dal 1716.

Tempi moderni

Verso la fine del XIX secolo, il barone Heinrich von Siebold, segretario della legazione austro-ungarica, acquistò la tenuta e la fece ristrutturare, ricostruire, ampliare e trasformare nel suo aspetto attuale. Così l’ala est è stata rialzata e l’elegante interno è stato ampliato. Comprò molti pezzi antichi – come un bellissimo soffitto dipinto del 1693, diverse vecchie stufe e un vecchio cancello del castello.

Il castello è circondato da una cinta muraria poligonale e contiene numerosi elementi gotici. Tra queste, ad esempio, le sculture piatte del periodo tardogotico nella sala della cappella. Inoltre, ci sono pitture murali nell’ala residenziale e la grande sala è decorata con iscrizioni di gesso rosso e carbone. Nel 1968 il castello di Freudenstein passò a Bernhard Walterscheid-Müller, un industriale di Colonia. Ha fatto ristrutturare il castello intorno al 1970 e l’ha trasformato in un centro congressi e di ricreazione. Nel 1987 Dr. Hans Meraner di St. Michael lo acquistò.

Oggi

Qualche anno dopo il castello divenne proprietà della famiglia Gostner. Sul terreno a nord del castello è stato costruito un campo da golf di pratica, che viene ancora oggi utilizzato finchè il campo da golf di Bolzano non sarà completamente completato. La famiglia Gostner ha vissuto a Schloss Freudenstein per diversi anni. Dopo che il castello era rimasto vuoto per alcuni anni, la famiglia Fink/Gostner prese in mano lo scettro e riportò gradualmente in vita la zona.

La proprietà è stata ristrutturata con grande attenzione ai dettagli dalla primavera 2016 e i primi lavori di ristrutturazione dovrebbero essere completati entro luglio 2017. Da questo momento in poi, l’immobile da favola sarà utilizzato per eventi di ogni tipo.

La Cappella

Anche la cappella di Sant’Andrea fu costruita nel XIII secolo. Era dedicata a Sant’Andrea e fu menzionata per la prima volta nel 1231. Questa piccola chiesa aveva anche un proprio sacrestano. Nel 1379 il nome “Freudenstein” fu menzionato per la prima volta in relazione a questa chiesa. Stiamo parlando di “bona S. Andree de Freudenstayn”, di terreni appartenenti alla cappella di Sant’Andrea a Freudenstein. Intorno al 1519 i proprietari dell’epoca fecero ricostruire la cappella in stile moderno ad arco a sesto acuto e la dotarono di tre semplici torri sul tetto. In una delle torri si trova una campana realizzata nel 1680. In questa cappella la messa veniva letta quotidianamente da un sacerdote o da un cappellano del castello. Questi cappellani privati del castello non finirono fino alla costruzione della locale cappellania di San Michele nel 1786.